/ Ambiente / In Uruguay vincono le risorse rinnovabili. E la bolletta cala per tutti

In Uruguay vincono le risorse rinnovabili. E la bolletta cala per tutti

Fare di necessità virtù. L’Uruguay manca di gas e petrolio? Nessun problema. Barra a dritta verso le risorse rinnovabili. Una scelta vincente.
Massimo Bonato on 11/01/2015 - 11:01 in Ambiente, Rinnovabili

Da diversi anni l’Uruguay è diventato un Paese a cui l’America Latina guarda come esempio. E non solo l’America Latina. La qualità di vita è ormai paragonabile a quella di molti Paesi sviluppati.

Nell’ultimo anno, per esempio, la spesa pro capite per le bollette della energia elettrica è calata in media del 6%. Questo perché l’Uruguay si è prefisso di raggiungere una produzione di energia completamente pulita, basata sullo sfruttamento delle risorse rinnovabili. Spende infatti il 3% del Pil nella ricerca in questo settore, investendo in impianti eolici, solari, e a biomassa. È arrivata alla produzione del 40% della sua energia grazie ai suoi impianti, che servono i 3,4 milioni di abitanti del Paese, e nei prossimi cinque anni verranno investiti 6 milioni di dollari nelle energie rinnovabili.

Una vera rivoluzione, iniziata con Tabaré Vásquez (presidente dal 2005 al 2010) e proseguita con il presidente in carica, José Mujica,  che sta portando e porterà inevitabili benefici. Dietro le quinte però, chi lavora a questi progetti è Ramón Méndez Galain, direttore nazionale per l’energia, il quale ha potuto assicurare all’ultimo vertice COP20 a Lima che “L’Uruguay non possiede né petrolio né gas, ha praticamente sfruttato tutto il suo potenziale idroelettrico, e la sua economia sta crescendo del 6% con l’obiettivo di ridurre la povertà”.

Ma è una rivoluzione anche politica, poiché la carenza di risorse energetiche fossili ha condotto i quattro maggiori partiti politici ad accordarsi per una politica energetica comune sino al 2030, indipendentemente da chi vinca nel frattempo le elezioni.

M.B.

Comments are disabled
Rate this article

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: