/ Resistenze / Giornalista rinviato a giudizio per aver raccontato le proteste dei No Tav

Giornalista rinviato a giudizio per aver raccontato le proteste dei No Tav

Davide Falcioni, giornalista di Fanpage.it, è stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Torino: nel 2012 raccontò una protesta pacifica del Movimento No Tav, ora è accusato di violazione di domicilio.
_omissis_ on 06/04/2016 - 19:06 in Resistenze

Davide Falcioni, giornalista di Fanpage.it, è stato rinviato a giudizio dal Tribunale di Torino: nel 2012 raccontò una protesta pacifica del Movimento No Tav, ora è accusato di violazione di domicilio.

Dopo aver processato le opinioni di Erri De Luca il Tribunale di Torino si accinge a fare la stessa cosa con la cronaca: il giornalista di Fanpage – e in passato di AgoraVox – Davide Falcioni è stato infatti rinviato a giudizio due giorni fa con l’accusa di “concorso in violazione di domicilio”: nell’agosto del 2012, infatti, il reporter si recò in Val di Susa per documentare la lotta del Movimento No Tav contro la costruzione della linea ferroviaria Torino – Lione. Falcioni rimase a lungo nell’area del campeggio organizzato ogni estate dagli attivisti e prese parte anche a tutte le iniziative, compresa l’occupazione – pacifica e lunga poco più di un’ora – della sede della Geovalsusa, ditta che all’epoca partecipava ai lavori per la costruzione del tunnel dell’alta velocità. Il giornalista si accodò ai manifestanti e documentò quanto accadeva, scrivendone in seguito in diversi articoli pubblicati su AgoraVox (qui e qui).

Davide Falcioni rinviato a giudizio

Nel novembre del 2014 il “colpo di scena” da parte della Procura di Torino. Durante il processo su quei fatti a carico di 19 No Tav, Falcioni – che fino a quel momento non era stato coinvolto dall’inchiesta – si rese disponibile a testimoniare in difesa degli imputati. Nel corso dell’esame in aula, tuttavia, il Pubblico Ministero, Manuela Pedrotta, interruppe l’esame del giornalista nel momento esatto in cui egli disse che – all’interno dei locali della ditta Geovalsusa – “il clima era sereno”. Fu così che al reporter venne comunicato – seduta stante – che viste le sue dichiarazioni sarebbe stato indagato per lo stesso reato ascritto agli altri imputati, quello di violazione di domicilio aggravata dalla violenza sulle cose segue su FanPage

Comments are disabled
Rate this article

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: