/ Ambiente / Energia eolica. Giappone e Norvegia verso un accordo

Energia eolica. Giappone e Norvegia verso un accordo

Massimo Bonato on 01/06/2015 - 10:02 in Ambiente, Rinnovabili

Il Sol Levante tra i fiordi. Giappone e Norvegia stanno vagliando le opportunità di una collaborazione energetica a lungo termine. Il primo ha un’autonomia del solo 6 per cento, la seconda produce più energia pulita di quanto sia il suo fabbisogno.

Così, società norvegesi e giapponesi si vedono sempre più interessate alla possibilità di esportazione di energia dalla Norvegia al Giappone sotto forma di idrogeno, utilizzando la tecnologia “Power to gas”, scrive il sito di riferimento norvegese del settore energetico, Teknisk Ukeblad.

nikel_plant_trude_pettersen_1

Accuse reciproche tra Russia e Norvegia sull’inquinamento. Chi inquina chi?

“Quasi il 52% di tutte le sostanze che inquinano l’ambiente della Oblast’ di Murmansk provengono da oltre confine” ha detto il vice ministro delle Risorse Naturali e dell’Ecologia della regione (Oblast’) di Murmansk, Vladimir Khrutsky,…

READ MORE +0POST COMMENT





finnmarkmapsmallLa Norvegia vanta nella contea di Finnmark, all’estremo nord del Paese, una delle regioni più fortemente e più stabilmente ventose del pianeta, ma da qui non è agevole esportarne l’energia eolica prodotta, sotto forma di energia elettrica. I mercati sono lontani, e la rete elettrica non è dimensionata per le grandi trasmissioni. Il trasporto potrebbe avvenire però attraverso il Mare del Nord, la via più breve dalla Norvegia al Giappone.

Due società elettriche locali sono state autorizzate alla costruzione di due centrali elettriche dalla potenza complessiva di 320 MW nel Finnmark. Una centrale elettrica di 45 MW, con 15 turbine a vento è stata messo in funzione già lo scorso anno, e per il momento non è possibile mettere in cantiere altro, perché ci vorranno almeno dieci anni prima che la capacità della rete elettrica venga migliorata.

L’organizzazione di ricerca norvegese Sintef sta ora conducendo uno studio preliminare sulle possibilità di esportazione di energia eolica dal Finnmark al Giappone, e ha coivolto nei lavori la Siemens e la Kawasaki Heavy Industries. La Siemens si dice convinta che sia l’idrogeno liquido la migliore alternativa per lo stoccaggio di grandi quantità di energia da fonti rinnovabili; e dal canto suo, la Kawasaki possiede la tecnologia per trasportare idrogeno in cisterne e per ricavarne poi in patria l’energia da immettere sul mercato secondo Teknisk Ukeblad. Del resto, sottolinea Sintef, il mercato giapponese dell’auto si sta orientando speditamente verso motori a idrogeno, che Toyota e Honda hanno già messo in produzione, e anche in questo caso il Giappone avrà bisogno di grandi quantità di idrogeno.

M.B.


3 (60%) 1 vote

Comments are disabled
Rate this article
3 (60%) 1 vote

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: