/ Agroalimentare / Consumatori sempre più attenti, preoccupati per l’ambiente

Consumatori sempre più attenti, preoccupati per l’ambiente

Massimo Bonato on 31/07/2015 - 09:58 in Agroalimentare, Ambiente

Un’inchiesta della Tetra Pak rivela un atteggiamento sempre più attento ai consumi, che orienta ad acquisti sempre più responsabili. Ma soprattutto nei consumatori dei paesi in via di sviluppo.



Cambia la sensibilità per ambiente e clima, e la preoccupazione fa maturare anche i più svogliati e disattenti.

È quanto emerge da una recente inchiesta svolta dalla Tetra Pak (la Tetra Pak’s Environment Research 2015) su un campione di 6000 consumatori sparsi in 12 paesi (Brasile, Cina, Francia, Germania, Giappone, India, Russia, Sud Africa, Svezia, Turchia, Inghilterra e Stati Uniti).

Più attenzione ai materiali rinnovabili, più attenzione al rispetto ambientale, in sintesi. Oltre il 75% per esempio afferma ormai di preferire bevande che siano contenute in contenitori di minimo impatto sull’ambiente.

Ma questo riguarda anche nell’abbigliamento la scelta di vestiti e confezioni, sui quali 2/3 degli intervistati preferisce spendere qualcosa in più se può fare la differenza nel rispetto di chi lavora e dell’ambiente.

I fattori ambientali sono diventati quindi negli acquisti un metro di misura più importante della marca, ma ciò che sorprende forse è che questo atteggiamento si sta dimostrando più pronunciato nei consumatori di paesi in via di sviluppo come Cina, Turchia, Brasile, India, che in paesi come l’Inghilterra, gli Stati Uniti o il Giappone.

Oltre il 60% degli intervistati in India, Cina e Turchia hanno dichiarato di informarsi sempre sulle condizioni ambientali in cui una bevanda industriale è stata prodotta prima di acquistarla, attenzione che cala al 25% per Inghilterra, Stati Uniti e Giappone, dove la marca la fa ancora da padrone.

Un’inchiesta che spinge d’altro canto i produttori alimentari a raffinare le proprie strategie orientandole all’ambiente, come parte di una più complessa strategia di mercato. Utilizzo di materiali riciclabili, facilmente smaltibili o riutilizzabili cominciano a fare la differenza. Così pure, a monte, il loro stesso reperimento. Sotto la indiretta sorveglianza di un consumatore responsabile che si informa e decide dei propri acquisti, anche il mercato alimentare sarà sempre più orientato nella scelta delle materie prime, alla loro tracciabilità e alla facilità con cui il consumatore può su di esse reperire informazioni adeguate.

M.B.


4 (80%) 1 vote

Comments are disabled
Rate this article
4 (80%) 1 vote

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: