/ Ambiente / Cina. Miniere e fonderie nello Yunnan sempre più inquinanti

Cina. Miniere e fonderie nello Yunnan sempre più inquinanti

Massimo Bonato on 11/06/2015 - 09:36 in Ambiente, Inquinamento

Mentre il governo cinese investe energie alla ricerca di soluzioni per l’inquinamento imperante, le industrie estrattive e trasformative progrediscono. L’industria mineraria e di trasformazione sta causando seri problemi nello Yunnan, nella Cina sud-occidentale.

Smog Cina

Cina. Contro lo smog cinque nuove centrali nucleari entro il 2020

di Massimo Bonato Come annunciato, Pechino dedicherà le proprie energie nei prossimi anni ad abbassare le emissioni di carbonio prodotte dalle centrali a carbone, e lo farà ricorrendo al nucleare, all’eolico e al solare. Il giorno stesso in cui a Pechino…

READ MORE +0POST COMMENT



In aprile, Greenpeace ha condotto analisi nella città meridionale di Jinding su acqua, suolo e polveri, rendendo noti i risultati martedì 9 giugno. Qui ha sede la più grande miniera asiatica, da dove vengono estratti principalmente zinco e piombo. Ma alla miniera, all’attività estrattiva, si aggiunge il processo di fusione e trasformazione compiuto dagli impianti di fonderia, le cui esalazioni investono la città.

“Le industrie che inquinano regnano nella Cina orientale e si stanno espandendo nelle province più povere a ovest del paese”, ha detto Ada Kong, responsabile della ricerca per Greenpeace. E ha espresso il suo “shock” per “la vicinanza tra gli impianti industriali e le abitazioni della popolazione”. Distanza che in alcuni casi è inferiore al centinaio di metri, in palese violazione degli standard di sicurezza, ma anche della legislazione del governo locale.

Le attività industriali e minerarie rilasciano nell’atmosfera metalli tossici come piombo, nichel, stagno e zinco, dannosi per la salute umana e per la maggior parte delle forme di vita che finiscono col respirarli, producendo difficoltà respiratorie, malattie renali o il cancro come conseguenze tra le più gravi registrate in chi si trova esposto continuativamente a questi metalli. Le donne possono anche subire un aborto, problemi di fertilità o malformazioni del feto.

Nel 2006 la fonderia ha convenuto che la distanza minima tra le zone residenziali e la fabbrica fosse di 600 metri, promettendo di reinsediare i cittadini al di là di questo limite. Ma ai residenti, da allora, non è rimasto che esprimere il loro malcontento, la preoccupazione per la paura della continua esposizione a metalli pesanti e per gli effetti nocivi sulla salute, in particolare sui bambini, più inclini ad assorbire il piombo.

Nel mese di marzo, il ministero cinese dell’Industria e dell’Information Technology ha introdotto norme severe per quanto riguarda la produzione di piombo e zinco, per ridurre i gravi problemi di salute derivanti dal grave inquinamento. Tuttavia, nonostante gli sforzi del governo cinese, nella provincia dello Yunnan Greenpeace denuncia la continua ed aggressiva espansione dell’industria estrattiva e trasformativa.

M.B.


Rate this post

Comments are disabled
Rate this article
Rate this post

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: