/ Memento / Auguri ad Andrea Camilleri. Il grande scrittore compie 90 anni

Auguri ad Andrea Camilleri. Il grande scrittore compie 90 anni

_omissis_ on 06/09/2015 - 09:19 in Memento

Andrea Camilleri, raffinata penna del giallo, scrittore di enorme successo, Andrea Camilleri, regista, intellettuale a tutto tondo e uomo di lettere, teatro, televisione e radio, compie oggi 90 anni. Per fare gli auguri più vivi a un grande maestro del giallo, un uomo di teatro, radio, televisione, ripercorriamone la vita, costellata di innumerevoli successi e talenti.



di Luca Marangolo*

Andrea Camilleri, scrittore dalla lingua finissima, autore di gialli di grandissimo successo, regista e sceneggiatore,  è arrivato oggi alla fatidica data di novant’anni. Questo compleanno corona una vita segnata dal talento e dal successo,  una carriera in ascesa ma poliedrica, una carriera che merita di essere celebrata e ripercorsa, a beneficio dei giovani, ma anche dei meno giovani. Cominciamo.

Non solo Montalbano, in effetti: i riflettori si sono accesi sulla penna di Camilleri grazie al successo del detective vigatese. Lunatico e razionale, Montalbano ha sfondato, per così dire, pagine e teleschermi grazie all’immaginario suggestivo e intrigante della Sicilia assolata: un paesino ridente, dove però accadono i più efferati, passionali e sofisticati delitti. Montalbano sfoggia l’ineguagliabile sagacia della deduzione che ha caratterizzato Dupin, Maigret, Holmes e Poirot, e il rito giallistico nei libri di Camilleri si tinge di sfumature talora nere, talora psicologiche ed erudite. Camilleri seduce così il grande pubblico in un modo sottile, guadagnandosi anche la benevolenza di chi ha rischiato di vedere schiacciata la letteratura “di genere” sullo sfondo informe della letteratura di mercato.

Ma il punto è che Camilleri è stato attivissimo nella vita letteraria e teatrale italiana in almeno 50 anni di vita, a prescindere dalla fortuna che, secondo un ormai collaudato cliché, ha intrappolato tutti i maggiori giallisti dopo Poe. A cominciare da Conan Doyle che aveva precipitato Sherlock Holmes nelle cascate Reichenbach sperando in ogni modo di dar voce a ben altre ambizioni letterarie, fino a Umberto Eco, che ha più volte dichiarato di odiare il suo giallo postmoderno Il nome della Rosa per il troppo successo… segue su *Fan Page

Comments are disabled
Rate this article

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: